LOVELY NEWS: PROCIDA CAPITALE 

All'imbrunire, quando si accendono le luci dentro la Chiesa di Santa Margherita e nelle case color pastello affacciate sul molo, il borgo di Corricella duplica la sua magia e prende le sembianze di un presepe napoletano. 

 

ROMANZI CAPACI DI EMOZIONARE
ROMANZI CAPACI DI EMOZIONARE

Alla libreria Nutrimenti (al Porto di Marina Grande), un'ampia scelta di romanzi ambientati a Procida e ispirati dalla sua gente.

UNA VICENDA TEATRALE
UNA VICENDA TEATRALE

Il titolo del romanzo prende nome da una pianta acquatica che crea praterie fluttuanti nel mare di Procida e racconta la vita della diva anni Venti Vera Vergani e del comandante di Marina Leonardo Pescarolo con il quale visse un grande amore e una vita strabiliante in giro per il mondo. Poi, insieme, misero l'ancora proprio a Procida...

VEGETAZIONE MEDITERRANEA
VEGETAZIONE MEDITERRANEA

ROMANZI CAPACI DI EMOZIONARE
ROMANZI CAPACI DI EMOZIONARE

Alla libreria Nutrimenti (al Porto di Marina Grande), un'ampia scelta di romanzi ambientati a Procida e ispirati dalla sua gente.

1/34

Sono molti i romanzi e i film ambientati a Procida. Dalla Graziella di Lamartine (la cui protagonista rivive oggi nel suo costume ottocentesco    celebrato da mostre e sfilate), a L'isola di Arturo  con il quale  Elsa Morante vinse il Premio Strega nel 1957 e da cui Damiano Damiani trasse l'omonimo film, sino a Il postino, nel quale Massimo Troisi fece la sua ultima, magistrale interpretazione. Oggi, le spiagge di sabbia nera dove l'attore napoletano conversava con Philippe Noiret sono paradiso estivo per le famiglie con bambini e le scale aggrappate al cielo che Arturo saliva a perdifiato conducono a dimore d'epoca trasformate in eleganti  Bed & Breakfast. L'architettura spontanea, fatta di curve morbide e colori pastello, scale rampanti e piccoli balconi coperti da volte ad arco, è tutta lì da ammirare. E nella Casa Merlata del porto vive ancora una instancabile signora che ricama ceste e ventagli quasi fossero pizzi d'altri tempi. Come scoprire queste insolite meraviglie? Molto semplicemente affidandosi a una guida turistica doc (altre informazioni cliccando le foto qui sopra).  

IMG_0343
IMG_0343

INGRESSO ALL'ANTICA CASA PENALE
INGRESSO ALL'ANTICA CASA PENALE

IMG_4362
IMG_4362

IMG_0343
IMG_0343

1/11

 L'antico carcere borbonico. Qui, per buona parte del secolo scorso, i detenuti che scontavano la pena lavoravano alla produzione di tessuti in lino, mobilio e calzature. Una formula riabilitativa che rese il carcere di Procida un penitenziario modello. Dismesso da oltre 30 anni, oggi è meta di visite guidate, uniche nel loro genere, come quelle condotte dal dottor Giacomo Retaggio che fu per decenni il medico del penitenziario. Per saperne di più, utili i due suoi libri:  L'isola nell'isola. Una vita nel carcere di Procida  e Carcere di Procida tra memoria e sofferenza con foto di Luigi Lauro.  

IMG_3229
IMG_3229

IMG_4383
IMG_4383

IMG_3230
IMG_3230

IMG_3229
IMG_3229

1/5

 Bustier e soprabiti ricamati d'oro. Gonne in broccato e camiciole in lino tessuto a mano. Si vestivano così, nel 1800, le ricche mogli degli armatori procidani. Tramandati gelosamente di madre in figlia, gli antichi  costumi sono arrivati ai giorni nostri in pochissimi esemplari. A dargli nuovo lustro, riportandoli agli onori della cronaca con mostre e libri, è stata la costumista Elisabetta Montaldo con la collaborazione di Lena Costagliola Di Polidoro che ha restaurato con maestra alcuni preziosi manufatti.